Important Announcement
PubHTML5 Scheduled Server Maintenance on (GMT) Sunday, June 26th, 2:00 am - 8:00 am.
PubHTML5 site will be inoperative during the times indicated!

Home Explore 6_2020: Middle Management

6_2020: Middle Management

Published by AgileItalia, 2020-11-06 14:38:08

Description: Middle Management
11. Lesson Learned ed il retaggio di Spock di AgileForItaly
14. Back to the Basics: cosa è Scrum e quando si usa di Davide Casari
19. Agile for Engineering: quaderno d’appunti di Massimo Terzo
27. Progettazione Agile in tempi di cambiamento di Stefano Pistorio
------------------------------------------------
Agile oltre l’ IT di Vito Semeraro
31. Agile applicato a team di ingegneria meccanica a cura di Vito Semeraro con Daniela Rinaldi
41. Liberare il potenziale umano nelle conversazioni
di Carlo Gandolfo
45. Il Middle Management: scopi, paure, contraddizioni ed errori di Tiziano Interlandi
53. Mille sfumature di ... diversity di Pierpaolo Cimirro

Keywords: agile,management

Search

Read the Text Version

6 - 2020 Magazine Bimestrale di AgileForItaly [http://www.agileforitaly.com] disponibile su https://www.agileitalia.agileforitaly.com Magazine Bimestrale AgileForItaly AgileItalia MAGAZINE Mille sfumature Agile for Engineering Il Middle Management Progettazione Agile di ... diversity quaderno d’appunti di Tiziano Interlandi in tempi di cambiamento di Pierpaolo Cimirro di Massimo Terzo di Stefano Pistorio Middle Management Liberare il potenziale umano Back To The Basic: Agile applicato a team di nelle conversazioni cosa è Scrum e quando ingegneria meccanica si usa di Carlo Gandolfo di Vito Semeraro con Daniela Rinaldi di Davide Casari AgileForItaly


#CHISIAMO Tiziano Interlandi, Agile Coach e Software Engineer. Batterista e co-fonico della Secchezza Delle Fauci. Co-fondatore di Agile For Italy. Pierpaolo Cimirro Product Owner. Co- fondatore di Agile For Italy. Davide Casari, Product Owner, Salesforce Specialist, co-fondatore di Vhagin, il gin dell’Agilista. Co-fondatore di Agile For Italy. Vi domanderete il perché di questa cosa. AgileItalia Pensiamo che in Italia sia necessaria una divulgazione massiccia su Agile. Fondatori ed Editori Come paese brilliamo di inventiva e capacità tecnica, ci manca Tiziano Interlandi, Pierpaolo Cimirro e Davide Casari però la struttura manageriale per portare questo paese ad un livello successivo. Sito Agile è un abilitatore. Abilita le persone a creare prodotti https://agileitalia.agileforitaly.com migliori, dominare la complessità ed introdurre una disciplina positiva, fatta di raggiungimento di obbiettivi. Mail Ci sono tanti entusiasti in Italia. Agile in Italia sta esplodendo. [email protected] Vogliamo aggregare e filtrare per tempo questa onda dando a tutti accesso alle informazioni ma anche una corretta e Slack strutturata informativa di qualità. agileforitaly.slack.com (canale aperto) Spesso siamo caustici, ma non confondentela con arroganza. Abbiamo i nostri modi, un po’ da badile e trattore. Ma ci piace Facebook così, genuino. agileitalia Cerchiamo di aggregare la conoscenza su Agile con tutto ciò che gira intorno: mondi, universi di informazioni, tecniche e LinkedIn pratiche difficili da sintetizzare e vogliamo far emergere le agileitalia realtà pratiche che sappiamo essere molte ma ancora da Twitter scoprire. Questo non sarebbe possibile senza ... agileitaliamagazine AgileForItaly 3A g i l e I t a l i a vuoi contribuire? scrivi ad [email protected]


Contents 11. Lesson Learned ed il retaggio di Spock di AgileForItaly 14. Back to the Basics: cosa è Scrum e quando si usa di Davide Casari 19. Agile for Engineering: quaderno d’appunti di Massimo Terzo 27. P r o g e t t a z i o n e A g i l e i n t e m p i d i c a m b i a m e n t o di Stefano Pistorio Agile oltre l’ IT di Vito Semeraro 31. Agile applicato a team di ingegneria meccanica a cura di Vito Semeraro con Daniela Rinaldi 41. Liberare il potenziale umano nelle conversazioni di Carlo Gandolfo 45. Il Middle Management: scopi, paure, contraddizioni ed errori di Tiziano Interlandi 53. Mille sfumature di ... diversity di Pierpaolo Cimirro AgileForItaly thanks to la maggior parte delle foto all’interno di agileitalia sono un regalo di Unplash e dei suoi contributori. A questo link i fotografi che ci hanno aiutato https://unsplash.com/collections/40042738/numero_7


La Community delle Communities italiane PODCAST E CANALE YOUTUBE PODCAST Youtube Tiziano, Davide e Pierpaolo Rivedi gli eventi del Meetup e parlano di tematiche delle iniziative di AgileForItaly agili davanti ad una birra. Interviste e racconti dalla trincea. Segui il podcast su Spotify, Apple Podcast, Spreaker. Agile For Italy Lean Beer Agileforitalymilano 5A g i l e I t a l i a


In questo numero Tiziano Interlandi Pierpaolo Cimirro Davide Casari {Editori & Autori ,, { { Vito Semeraro Massimo Terzo Stefano Pistorio {Autori ,,, Daniela Rinaldi Carlo Gandolfo , Ad Oggi... 7 64 32 Numeri Articoli Autori Vuoi contribuire anche tu come autore? manda una mail ad [email protected] oppure partecipa alla Call For all’indirizzo https://sessionize.com/call-for-agile-for-italy/


Sintegra nasce a Milano nel 2010 come «Enterprises Factory» sfruttando una miscela unica di imprenditorialità, processi industriali, relazioni con università e partnership commerciali con leader di mercato per sviluppare prodotti e tecnologie innovative nell’ambito della trasforma- zione digitale veicolate sul mercato tramite imprese e team dedicati. Negli anni successivi la forte con le aziende presenti sul sempre crescente di profes- specializzazione richiesta dai territorio e le Istituzioni Locali. sionisti. clienti ha portato Sintegra a Divenuta ormai Gruppo nel Il nostro punto di forza è la diventare un player di riferi- 2019, Sintegra offre, attraverso nostra esperienza nell’uso di mento per tutto ciò che con- competenze specifiche, in piattaforme di sviluppo cerne l’integrazione ed i servi- modalità nearshore o on-site, basate su modelli e metodo- zi in ambito, principalmente, servizi ad alto valore aggiunto logie Agili. finance. Estendendo la pro- in comparti differenti: aca- pria presenza sul territorio Na- demy, dati, dematerializzazio- SERVIZIO zionale nasce la sede a Rende ne, integrazioni software. Ad CERTIFICATO e la proficua collaborazione oggi può contare su un numero UNI EN ISO 9001:2015 UNI CEI EN ISO/IEC 27001:2017 Nel prossimo numero intervista al dott. Antonio Di Brisco esperto in Compliance SINTEGRA srl - Via Falcone,7 - MILANO - Tel. 02.4555.9982 7A g i l e I t a l i a


la cheklist totalmente online che rende il tuo Superbonus 110% facile, veloce e garantito, è solo uno dei fantastici servizi offerti da cento10.it Ricorda, che tu sia un proprietario o un Condominio, una Banca o una Utility affidati subito ai professionisti di per la tua checklist, affidabile e garantita, per la gestione del processo documentale, certi- ficato e brevettato, e per la compravendita dei crediti, attraverso il famoso Borsino- CENTO10. I nostri esperti di CENTO10.it ti contatteranno per indicarti la soluzione migliore per il tuo caso


Sintegra Srl Via Falcone, 7 20123 Milano Tel: +39 02-4555-9982 www.sintegra.it 9A g i l e I t a l i a


 Scrum Master, Agile Coach e Product Owner soffrono essenzialemente di una sindrome ossessivo- compulsiva (sconosciuto) 


Editoriale di AgileForItaly Lesson Learned ed il retaggio di Spock Partiamo con frasi banali: stiamo vivendo un momento nerci addormentati”. di crisi che ci sta mettendo a dura prova. Semplicemente nella mediocrità prolifera la mediocrità Ricordiamo i pensieri di marzo 2020 che ci dicevano ed emergono mediocri. che da questa emergenza sarebbe emerso qualcosa di Tutti noi ci dimostriamo mediocri in qualcosa, non siamo buono e ne saremmo usciti come persone migliori. Non anime pure: so voi cosa ne pensiate, ma l’unica cosa che ho visto è • diciamo tanto ma alla fine pensiamo solo ai nostri che adesso tutti sanno usare Zoom (anche con incidenti quantomeno imbarazzanti). interessi; Molti hanno riscoperto solo recentemente l’utilizzo dei • aspettiamo soluzioni da qualcuno; pantaloni, la cui prima vestizione ha esposto il nostro • critichiamo costantemente; ego ad una sfida emozionale derivante dell’oscillazio- • non accettiamo che qualcuno sia più preparato di ne del peso corporeo che molti hanno dichiarato essere avvenuta. noi. Abbiamo capito che siamo cantanti nella media e che Ma allora forse che in tutto questo ci sguazziamo per- applaudire da un balcone suona un po’ come l’allenato- ché in questo modo ci sentiamo meno mediocri? re di calcio che da bordo campo batte le mani a favore Purtroppo è necessario mettere da parte un secondo di telecamera. la propria irrefrenabile voglia di critica e cominciare a Tutti i runner sono spariti. Dove sono? Il sindaco di Buc- guardare le cose da un punto di vista più ampio. Cosa cinasco aveva esposto un cartello indicante: “Quanto è posso fare io, di piccolo, per far si che le cose migliori- vero Iddio se quando finisce la pandemia non vi vedo no? E la risposta non è urlare. correre vi prendo a calci nel cXXo”, poi scoperta essere Il comico Bergonzoni una volta disse:”Prima di scendere una burla (ma ci ha fatto ridere). in piazza dobbiamo scendere in testa”, non perdendo Abbiamo scoperto di essere tutti virologi, medici, eco- occasione per farci le domande giuste e fare le doman- nomisti e scienziati, saltando da una competenza all’al- de giuste. tra seguendo il flusso delle notizie giornaliere. Ma cosa c’entra con Agile, aziende e dipendenti? Beh Non apriamo l’argomento negazionisti. Cominciamo ad nelle organizzazioni avviene la stessa medesima cosa essere stuzzicati dal collegamento che si può fare tra il ma in scala minore. L’AD non è adeguato, il mio capo 5g, Bill Gates, il mercurio ed il Covid. O meglio paghia- non capisce niente, il mio collega è un incapace. Si ma mo Netflix per vedere Star Trek quando abbiamo in casa lo sai vero che anche gli altri pensano questo di te? ottimi sceneggiatori SCI-FI. come ti senti adesso? Allora vorremo essere Spock per un giorno. Cosa direb- L’Italia non è mai uscita da quella visione di guerra me- be al Capitano (quello dell’Enterprise non quello autoc- dioevale tra borghi e paesi, guelfi vs ghibellini e la por- tono) se vivesse in Italia nel 2020? tiamo nei vari aspetti della nostra vita. Spock non mente e reprime le emozioni, questo gli per- Forse sarebbe il caso di cominciare a capire che è tra- mette di essere il compagno fidato, quello che ti riporta mite la collaborazione e l’analisi critica che possiamo sulla corretta strada e ti dice quello che non vorresti mettere da parte per un attimo il singolo e capire che sentire. una visione sistemica è un vantaggio per tutti. Spock direbbe che questo paese ha necessità di capire Questo editoriale non ha la soluzione, vuole solo intri- dai propri errori per non ripeterli in futuro. stire. Gli ultimi anni sembrano un disco rotto che si ripete, Sempre vostri con immutato affetto. frutto del fatto che non ci fermiamo mai a capire cosa è successo e non facciamo niente affinchè non si ripeta: Lesson Learned. Ovviamente vogliamo divergere dal Bias che ci riporta a pensare che tutto ciò faccia parte di un piano per “te- 11A g i l e I t a l i a


Le Communty italiane All'interno delle community locali ci sono ricchezze ed esperienze che vanno sostenute e raccontate Visione Agile - Cosenza LinkedIn : visioneagile Facebook : visioneagile Scrum Agile Milano SAM Meetup : Scrum-Agile-Milano-SAM Agile Talks Roma Meetup : Agile_Talks Agile For Italy - Milano Meetup : AgileForItalyMilano sito: https://www.agileforitaly.com


vuoi essere autore in questo magazine, registrare un podcast con noi, essere intervistato o parlare ad un Meetup? Call For.... o[email protected]@ggmmaaili.lc.coomm 13A g i l e I t a l i a


Back to the Basics: cosa è Scrum e quando si usa di Davide Casari Continua la rubrica dedicata alla scoperta dell’universo Agile. Nel un’implementazione logica di un particolare design pattern) sul numero precedente abbiamo parlato dei principi del manifesto quale un prodotto può essere progettato e realizzato, spesso Agile utilizzando la metafora della navicella spaziale Dragon e facilitandone lo sviluppo da parte del team di sviluppo che se rappresentandoli come i pilastri che aiutano le torri portanti (i ne occupa. valori) a reggerla in piedi prima della partenza. “Risolvere problemi” indica che Scrum non dà soluzioni ai Come potete immaginare dalla metafora che stiamo utilizzando problemi ma un modo per risolverli; il tutto grazie all’ inserimento per dare una solida linea guida, non siamo ancora pronti per di una metodologia diversa da quanto siamo abituati. Tramite partire. Bisogna essere più che organizzati per andare nello alcune facilitazioni pratiche date dal framework si possono spazio, proprio come bisogna esserlo quando si affronta un gestire i problemi con più serenità e logica. Inoltre Scrum percorso per lo sviluppo di un prodotto da lanciare sul mercato. pone l’attenzione sul prodotto e non sul progetto e dato che In questo capitolo della rubrica parliamo del framework Scrum, ad oggi siamo praticamente tutti project oriented, dobbiamo cercando di comprendere cos’è e soprattutto quando è possibile assolutamente imporci di spostare l’attenzione da una mentalità utilizzarlo. a progetto dove si cerca di adempiere ai vari processi in maniera più o meno ordinata, verso una visione prodotto centrica ovvero La parentesi di oggi è che noi di Agileforitaly non ci prendiamo un’entità che evolve insieme alle proprie funzionalità e secondo l’onere di commentare il framework Scrum come se fossimo quelli che sono i feedback dei clienti. dei santoni, anzi, Scum ha una guida, con poche regole e che devono essere rispettate e noi cerchiamo di raccontarvele nel Poniamo poi l’attenzione alle parole finali della definizione modo più semplice ed utile possibile. “del più alto valore possibile”, che significa concentrarsi sulla massimizzazione del valore. Il processo di lavoro che si segue Partiamo dalla definizione di Scrum: “Un framework che consente non è e non sarà mai legato ad una semplice gestione dove alle persone di risolvere problemi complessi di tipo adattivo e, al l’unico obbiettivo è rilasciare funzionalità in modo più o meno tempo stesso, di creare e rilasciare prodotti in modo efficace e organizzato secondo le pressioni dei nostri stakeholders di creativo del più alto valore possibile”, e spacchettiamola. riferimento ma il processo è lo strumento per rilasciare valore, quindi come da Manifesto Agile, essere un tutt’uno con il cliente “Un framework” è un’architettura logica di supporto (spesso che deve percepire effettivamente che quanto viene erogato è consono alle sue aspettative.


“Scrum è leggero, semplice da comprendere, difficile da padroneggiare.” Leggero, è una guida di 18 pagine e non 118! Semplice, perché non usa termini e definizioni incomprensibili ma il ragionamento è talmente ampio che si ha la necessità di una persona dedicata e preparata che di solito aiuta il team ad estrapolare i concetti, inserirli efficacemente all’interno dal team di lavoro, grazie delle pratiche descritte nella guida. “Scrum è un framework di processo Attenzione: Scrum non è utilizzato dai primi anni novanta per omnicomprensivo, bisogna usare più gestire lo sviluppo di prodotti complessi. Scrum non è un processo o una tecnica tecniche e pratiche. per costruire prodotti ma piuttosto è Non è che se si applica Scrum si ha un framework all’interno del quale la strada spianata per il successo, è possibile utilizzare vari processi e va comunque tutto adattato tecniche.” all’organizzazione. Una cosa è efficace quando viene «Scrum rende chiara l’efficacia relativa affrontata, per questo è efficacia del proprio product management e relativa, efficace oggi non è detto che lo sia fra un mese. Scrum aiuta ad avere delle proprie pratiche di sviluppo così da poterle migliorare.» chiaro cosa è efficace fare. «Il framework Scrum è costituito dagli Un team può o meno applicare il framework Scrum Team e dai ruoli, eventi, artefatti Scrum ma se lo fa bisogna che segua questa e regole a essi associati. Ogni parte del guida, le tattiche e pratiche come il coaching framework serve a uno specifico scopo ed è essenziale per il successo e l’utilizzo non ne fanno parte e meno male perché altrimenti se ne perderebbe il senso. di Scrum. Le regole di Scrum legano insieme gli eventi, i ruoli e gli artefatti Inizialmente un team giovane che lavorando governando le relazioni e le interazioni sbaglia, non se ne deve preoccupare perché lo tra essi. Sono descritte in tutto il corpo di sbaglio è positivo se non ripetitivo. Da questo questo documento. Strategie specifiche per l’utilizzo del framework Scrum sono deriva l’abilità di un coach che aiutando a comprendere con ragionamenti quello che varie e descritte altrove.» c’è scritto nella guida, porta ad aumentare la capacità produttiva in maniera incrementale del team. «Scrum fu originariamente sviluppato 1. Ricercare ed identificare validi mercati, per gestire e sviluppare prodotti. A tecnologie e funzionalità di prodotto; partire dai primi anni 1990, Scrum è 2. Sviluppare prodotti e miglioramenti; 3. Rilasciare prodotti e miglioramenti stato impiegato estensivamente, in tutto anche più volte al giorno; il mondo, per:» 4. Sviluppare e sostenere ambienti Cloud (online, sicuri, on-demand) ed altri 15A g i l e I t a l i a ambienti operazionali per l’utilizzo di prodotto; 5. Sostenere e rinnovare prodotti.


Prendendo in esame questi punti cerchiamo di posizionarli vincoli costruttivi. all’interno della nostra vita lavorativa che solitamente siamo abituati ad affrontare. Scrum sponsorizza l’innovazione ma legato ad ambienti operazionali per l’utilizzo del prodotto, l’infrastruttura non Scrum è utilizzato in generale per fare evolvere delle idee che è utilizzata come commodity o come costo d’impresa ma non sono solo quelle di sviluppo prodotto e la creazione di come elemento fondante ed abilitante per l’utilizzo stesso e software. Per quel che riguarda le analisi di penetrazione del l’evoluzione del prodotto. Il rinnovamento di un prodotto è dato mercato e la ricerca di nuovi business, viene utilizzato Scrum! dalla capacità che un team ha di capire l’evoluzione del mercato Di fatto, l’ MVP (Minimum Viable Product) è quello che serve per e di conseguenza l’evoluzione che deve avere il prodotto. sondare o valutare le proprie teorie nel mercato di riferimento che si vuole aggredire. “Scrum è stato impiegato per sviluppare software, hardware, software embedded, reti di funzioni interagenti, veicoli autonomi, Questo permette alle persone di capire, senza farsi troppo nelle scuole, nei governi, nel marketing, per gestire le operazioni male, come deve essere e come viene visto il prodotto dagli stakeholders che dovranno approcciarsi al nostro ecosistema. nelle organizzazioni e per quasi tutto quello che usiamo nelle Con i miglioramenti dobbiamo stare attenti, Scrum deve essere nostra vita quotidiana, come individui e società.” utilizzato anche per i miglioramenti di prodotto e non solo per lo sviluppo. E’ un grave errore smettere di utilizzare il framework Ed arrivati fin qui possiamo concludere dicendo che se i vuole scrum quando si lancia il prodotto sul mercato, il team che si è Scrum può essere utilizzato per qualsiasi ecosistema e permette occupato di creare il prodotto deve mantenerlo e migliorarlo in grazie alle linee guida basate sulla metodologia Agile di portare base ai feedback degli stakholders. a compimento gli obbiettivi che ci vengono assegnati. Con il rilasciare più volte al giorno si vuole indicare un livello di Siamo e restiamo all’interno della navicella spaziale Dragon, maturità tale del team che permetta in qualsiasi momento di ci stiamo organizzando al meglio per evitare qualsiasi tipo di aggiungere funzionalità ad un prodotto senza avere la paura rischio legato alla gestione del processo. Scrum ci aiuta e ci di distruggere tutto quello che era stato creato e rilasciato aiuterà sempre ad avere un’organizzazione solida e lineare del precedentemente. Inoltre, cosa non meno importante, di tornare lavoro da svolgere secondo gli obbiettivi definiti dal team di cui indietro senza troppa difficoltà sui propri passi senza avere troppi facciamo parte. Davide Casari Product Owner, Salesforce Specialist, co-fondatore di Vhagin, il gin dell’Agilista. Co-fondatore di Agile For Italy


Live happily ever after without projects il nuovo libro di Dimitri Favre compralo su Amazon I am a passionate and experienced IT professional with strong executive and technical background. I’m a lean thinker and an agile addicted: I am continuously searching and uncovering better ways of developing IT solutions. I am a #noprojects enthusiast and I wish people live happily ever after without (software) projects. I grew up on a wide front of technologies, covering the most popular development platforms, systems and applications. I developed strong skills in architectural design, with a vision that cover both the whole and the finer details. Specialties: Agile and Transformation Coaching, Process Improvement, Team Organization, IT System and software architecturestures There is a problem between software and projects. Software projects fail, and even when they succeed, there’s no guarantee that the resulting product will delight customers.In the digital age, organizations need to shift from a project-centric mindset to a customer-centric one, in which products are first-class citizens. This mindset shift is at the heart of #noprojects, a deliberate act of continuous product management.The book analyzes the mismatch between software and projects, then describes the four pillars (and the companion principles) of a #noprojects organization;- Experiments over projects- Stable teams over temporary endeavor- Outcomes over execution- Products over softwareThrough this book, you will learn how to stop focusing on projects, create digital products that your customers will love, and live happily ever after. 17A g i l e I t a l i a


da Gennaio 2021 La prima conferenza interamente dedicate alle esperienze pratiche in cui un gruppo di esperti dalle aziende viene intervistato da un gruppo di intervistatori che provengono dalle aziende https://agile-experience.agileforitaly.com/


Agile for Engineering quaderno d’appunti Massimo Terzo Massimo è un Coach Agile con una solida esperienza internazionale. Ha lavorato nel campo del Lean Six Sigma e Supply Chain in Italia prima di trasferirsi all’estero per acquisire ulteriore esperienza professionale. Ha trascorso dieci anni a Parigi e Londra dove ha lavorato come Coach Agile e Specialista Lean per gruppi internazionali. Ha esperienza nei settori automotive e retail dove ha accompagnato i team e le organizzazioni nel loro percorso di trasformazione Agile. Si è recentemente trasferito in Italia dove lavora come Coach Agile freelance... e come papà di due gemelli! 19A g i l e I t a l i a


Creare un prodotto fisico utilizzando un approccio Voglio parlare di come è stato affrontato lo Agile. Questa è stata la sfida che molte aziende sviluppo con una metodologia Agile di uno di stanno affrontando: capire come declinare il questi componenti ADAS, quello relativo alla mindset, i framework e le pratiche Agile in un frenata d’emergenza, in un team che ho seguito ambito che non sia solo software. Agile comincia come Coach Agile. Innanzitutto, perché Agile? a essere quasi una parola d’ordine per i maggiori La Direzione voleva sviluppare un prodotto in produttori di automobili. Da sempre terreno maniera più efficace e più veloce, integrando in fertile per lo sviluppo waterfall, le divisioni un team differenti competenze. Diciamo subito di ingegneria di questi grandi gruppi stanno che applicare Agile all’ingegneria non vuol dire vivendo una vera rivoluzione da quando nuovi applicare semplicemente un framework Agile, attori (Tesla e Google per fare alcuni nomi) sono Scrum o Kanban di solito, e copiare le pratiche entrati prepotentemente nel settore automotive che si utilizzano nello sviluppo software. Occorre cambiando completamente le regole del gioco. piuttosto capire cosa voglia dire applicare una Anche l’automobile in sé non è più lo stesso mentalità Agile e come scegliere le pratiche e prodotto che è stato per quasi un secolo; da i framework che meglio si adattano al progetto. alcuni anni lo sviluppo degli Advance Driving Nel nostro caso è stato scelto Scrum perché era Assistance Systems (ADAS) ha imposto un nuovo il framework più utilizzato all’interno del Gruppo modo di creare il prodotto, un modo che metta il e poteva fornire una struttura ben definita per un mindset Agile al suo cuore. team nuovo all’Agile.


Prima di iniziare il progetto c’è stato un lavoro detengono delle competenze importanti e preparatorio, chiamato Framing, fatto con il hanno tempi di risposta molto lunghi. Per evitare Product Owner (PO) e il team per definire lo di creare una barriera con queste competenze è scopo del progetto, identificare gli stakeholder, stato deciso di far partecipare al Core Team due visualizzare la roadmap e capire cosa può ingegneri del fornitore in modo da avere, non solo significare il Minimum Viable Product (MVP) un supporto immediato, ma anche uno sviluppo e le release successive del prodotto. Due in simultanea. Queste due persone erano a pieno attività chiave in questa fase di Framing sono lo titolo membri del team, sedevano nello spazio Storymapping e lo Stakeholder Mapping: con il del team, partecipavano a tutti gli eventi Scrum primo si identificano le funzionalità di prodotto e ovviamente a cene e drink di team. Il team era e si definisce un primo schema di MVP e di multifunzionale e poteva lavorare in maniera release; con lo Stakeholder Mapping si rendono autonoma salvo i contributi portati dal Team esplicite la parti in causa e la loro relazione con Esteso. Uneserciziomoltoutileèstatoidentificare il team. Nel caso di sviluppo di sistemi come gli le competenze disponibili nel team tramite una ADAS occorre ricordare che di solito un team è Matrice delle Competenze 1 (vedi figura): si sono composto da: identificate quelle competenze non ufficiali che hanno permesso al team una più alta flessibilità; • Team Centrale (Core Team): le persone inoltre è stato molto motivante per i membri del che lavorano costantemente nel progetto, team poter affiancare qualcuno di più esperto idealmente al 100% del loro tempo. Chi per accrescere le proprie competenze. compone il Core Team porta le competenze Una parola sul ruolo del PO: costui è spesso essenziali per la realizzazione del progetto. qualcuno che fa parte del team di sviluppo ma che ha una visione chiara sul prodotto finale e • soprattutto un contatto diretto con il cliente. È • Team Esteso: le persone che collaborano al importante che si trovi l’equilibrio fra la sua parte come membro di team di sviluppo e quella come progetto in maniera non continuativa o con un leader funzionale del team. contributo parziale. Sono figure chiave per la buona riuscita del progetto. 1 Una matrice delle competenze dice qual è il livello di competenza di ogni membro del team su delle competenze chiave; di solito i livelli sono base, Nei progetti di ingegneria un ruolo fondamentale esperto, formatore, nell’esempio utilizzato è stato utilizzato un’ambientazione viene svolto dai fornitori. Spesso costoro Star Wars e i livelli erano Padawan, Jedi e Yoda. 21A g i l e I t a l i a


La difficoltà di un progetto Agile in un reparto “software” con “prodotto” l’applicazione di questo ingegneria è che non è sempre possibile creare principio risulta ostica se preso alla lettera. Nel un incremento funzionante. I primi sprint sono caso in esame abbiamo interpretato il principio spesso dedicati alla creazione di un’architettura come “evitare l’effetto tunnel” e dare visibilità che dovrà essere il più possibile modulare agli stakeholder sull’avanzamento del progetto. e che dovrà permettere delle evoluzioni. Per fare questo è stata scelta una durata di sprint di tre settimane 3 perché creava un senso Nei prodotti che presentano una componente d’urgenza e permetteva al team di costruire hardware molto forte occorre considerare alcuni qualcosa di funzionante o comunque che punti prima di intraprendere un percorso Agile: avesse senso presentare in una dimostrazione. • La possibilità di cambiare il prodotto, anche Nei progetti hardware una delle variabili chiave è distruggendo tutto quello fatto fino ad un il rischio. Occorre trovare dei sistemi per testare certo punto è limitata e spesso costosa. velocemente delle soluzioni e gli incrementi di prodotto. Ho potuto verificare direttamente tre • Spesso molte competenze chiave sono approcci che possono essere complementari: detenute da fornitori o professionisti esterni all’azienda. • banco di test; • simulazione al computer; • In molti settori sono richieste certificazioni • smoke test. e omologazioni che rendono più lungo il percorso di creazione di un prodotto. Per quel che riguarda la possibilità di cambiare Per il banco di test: prima di testare un sistema su prodotto ho visto i migliori risultati quando il un veicolo conviene ricreare l’ecosistema in un team fin dall’inizio puntava su un’architettura piccolo laboratorio che può essere contenuto in che potesse essere flessibile ed evolvere un banco e cui si possono testare velocemente con il progetto. In questo caso un approccio differenti configurazioni di componenti e di Contract-first Design e una progettazione software. I vantaggi di questo approccio sono modulare aiutano moltissimo 2 . In progetti per quelli di essere veloce e di permettere di avere l’ingegneria o l’hardware in generale restano meno vincoli, anche se talora occorre riadattare validi i principi del Manifesto Agile: mentre il sistema prima di metterlo in un veicolo dove in molti casi l’applicazione è immediata (la gli spazi a disposizione sono spesso ristretti. semplicità, l’auto-organizzazione del team, la conversazione faccia a faccia come miglior forma 2 Questi argomenti sono trattati da P. SAMMICHELI: Scrum per Hardware, di comunicazione…), in altri casi occorre trovare 2018. la miglior maniera di interpretare il principio. 3 In altri team che hanno lavorato nell’ingegneria di prodotto si è scelto Caso emblematico è quello del principio tre: di lavorare con sprint di tre settimane; la scelta dipende dal team o “consegniamo frequentemente software dall’organizzazione ma due principi restano validi: dare un senso d’urgenza funzionante…”; anche se cambiamo la parola al team e riuscire a produrre qualcosa di dimostrabile.


Quandosièpotutoutilizzarelasimulazione,questo prototipo di auto con guida autonoma doveva approccio ha dato ottimi risultati e ha permesso di presentare nella dimostrazione una parte di avanzare molto velocemente nello sviluppo del sistema che consisteva in alcuni computer, prodotto. Per metterlo in pratica occorre avere centraline e altri sistemi posti nel bagagliaio una risorsa dedicata che sia integrata nel team. di un veicolo. Per dare maggiore realismo e Per esperienza ho visto che una simulazione, per raccogliere un feedback più ampio il team ha essere realistica, deve prendere dei dati dai test aggiunto dei componenti e dei sottosistemi che reali e quindi si avranno dei risultati utili solo dopo non erano funzionanti per ricreare in maniera più qualche sprint. Una volta realizzato un modello dettagliata la strumentazione finale. In questo affidabile la simulazione permetterà di testare modo, oltre al feedback sulla parte di sistema molte configurazioni prima di fare la demo reale pronto e funzionate, il team ha potuto raccogliere che a questo punto presenterà dei risultati più un feedback sull’ergonomia generale del sistema avanzati. Attenzione però, la simulazione deve finale e sulla disposizione dei componenti. integrare la dimostrazione con i clienti a fine sprint e non sostituirla. In certe dimostrazioni, Anche la stanza del team può essere particolare oltre alla presentazione dei test reali sono stati a seconda del tipo di progetto. Come è buona presentati i risultati di alcune simulazioni per norma per i progetti Scrum si espongono gli fornire materiale per la riflessione su come artefattidelprogetto,loStoryMap,lepersona, etc. avanzare nel progetto e priorizzare il backlog Un vantaggio enorme è la possibilità di lavorare prodotto. in maniera diretta e immediata sul prodotto. Nel caso dello sviluppo dei sistemi ADAS una stanza Proprio come nel software anche nell’hardware con un ponte e degli strumenti per agire sul è possibile realizzare degli smoke test, ovvero veicolo sono stati messi a disposizione del team. creare dei componenti che non sono funzionanti Tutto questo per aumentare le possibilità di test ma che servono al team per avere una risposta and learn. su delle ipotesi di comportamento del cliente. Ad esempio, un team incaricato di costruire un 23A g i l e I t a l i a


Nel caso di prodotti hardware occorre inizia ad applicare Agile su prodotti hardware dare una particolare attenzione ai prodotti o nell’ingegneria è quello di pensare ad avere e ai materiali che sono necessari al team. dei feedback utili da parte del cliente, meglio Soprattutto per i progetti innovativi si corre se quello finale, e dagli altri reparti coinvolti il rischio di aver bisogno di componenti nella progettazione e nello sviluppo. Questi all’avanguardia o addirittura sperimentali che feedback risulteranno importanti anche per il possono avere un lead-time elevato. Una metodo di lavoro: un team che lavorava su una buona pratica è quella che coinvolgere il piattaforma elettrico-elettronica ha realizzato fornitore dall’inizio del progetto e di preparare che poteva lavorare più velocemente con il delle interfacce che siano standard in modo proprio fornitore se questi avesse presentato che si possa utilizzare un componente una semplice schema di componenti con disponibile in attesa del componente scelto. la descrizione invece del laborioso sistema D’altro canto, occorre fare attenzione alla che aveva e che prevedeva di mettere nello struttura dell’azienda: soprattutto in grossi schema, prima di considerarlo finito, tutte le gruppi c’è il rischio di imbattersi in lunghe foto degli stessi. procedure centralizzate. Una maniera per uscire da questa impasse è quella di fissare Un’ultima considerazione: spesso il progetto un limite di spesa che possa essere gestito Agile viene integrato in uno sviluppo di tipo direttamente dal team senza dover passare waterfall che bisogna considerare. Ancora una per il percorso ufficiale dell’azienda. Il limite di volta, il cambiamento è spesso un percorso spesa dipende dal progetto, a volte qualche lungo e per piccoli passi piuttosto che un Big migliaio di euro sono più che sufficienti per le Bang. spese correnti del team. Una parola infine sulle dimostrazioni. Con Per concludere possiamo dire che il prodotti fisici si è in una situazione molto framework Scrum si è dimostrato ben diversa rispetto al software e non sempre applicabile al contesto dell’ingegneria di è possibile presentare al momento della prodotto con l’attenzione a non voler imitare dimostrazione di fine sprint un potential in tutto e per tutto quello che succede nei shippable increment: ritengo sia opportuno contesti software ma piuttosto sperimentare lavorare con un MVP e con delle Release nuovi metodi di lavoro ed essere aderenti alla che permettano di mostrare qualcosa di mentalità Agile. Anche nell’Agile applicato a funzionante anche se non con tutte le contesti di ingegneria e di hardware i punti funzionalità. Ma occorre molte volte accettare chiave restano sempre l’autonomia del di avere nella dimostrazione un prodotto che team, il test and learn, la trasparenza e il è non è funzionante. Il mio consiglio a chi miglioramento continuo.


AgileItalia Prenota il tuo biglietto gratuito su media partner https://www.agileday.it/ 25A g i l e I t a l i a


AgileForItaly Lean Beer PODCAST SU SPOTIFY, SPREAKER, APPLE PODCAST, GOOGLE PODCAST DAVIDE CASARI TIZIANO INTERLANDI PIERPAOLO CIMIRRO


PODCAST E CANALE YOUTUBE Progettazione Agile in tempi di cambiamento. Youtube PODCAST (Prima Parte) Rivedi gli eventi del Meetup e delle iniziative di AgileForItaly Tiziano, Davide e Pierpaolo parlano di tematiche agili davanti ad una birra. Interviste e racconti dalla trincea. Segui il podcast su Spotify, Apple Podcast, Spreaker. Agile For Italy Lean Beer AgileForItaly www.agileforitaly.com Stefano Pistorio Stefano Pistorio è Scrum Master certificato e appassionato di «Agilità» guardandola da un punto di vista sistemico e olistico. Applica la metodologia Scrum ai progetti che segue. E’ molto interessato alle dinamiche di gruppo nel team, ha più di vent’anni di esperienza nel settore IT dove ha ricoperto diversi ruoli, dallo sviluppatore al responsabile di progetto. Ritiene che l’evoluzione Agile vada di pari passo con l’evoluzione personale e quindi investe continuamente su se stesso s sulla sua formazione. Agileforitalymilano 27A g i l e I t a l i a


Introduzione di pianificare, nel secondo perché la a consolidare tutti gli step in anticipo, pianificazione fallisce. allora molto probabilmente avremo una Anni fa, lavorando nel settore visione degli stakeholder come soggetti dell’information technology in stile Perché si pianifica che sono quasi fastidiosi nell’ambito del waterfall, ho avuto modo di approcciarmi progetto. Gli stakeholder introducono all’Agilità, approcciandola ho messo Quanto mi costa? Quando me lo cambiamenti, chiariscono in ritardo le basi per scuotere il mio sistema di consegnerai? Quando potrò vedere rispetto all’inizio e quindi alterano i piani. certezze dal basso. qualcosa? Spesso queste domande arrivano in Già da queste considerazioni si capisce Come faccio a gestire un progetto in coda al primo incontro col cliente in cui si bene il senso del concetto “mindset modalità Agile dovendo gestire anche la sta delineando l’opportunità di realizzare Agile”. Andare verso l’agilità non è solo pianificazione di budget e di scadenze? un progetto/prodotto/servizio. organizzare persone e lavoro in modo In altre parole se l’agilità accetta ed anzi da cambiare il nome alle riunioni e promuove i cambiamenti in quanto fonte Le risposte a queste domande servono fare qualche board dove appendere di miglioramento, come faccio a gestirmi per pianificare campagne di marketing, i nostri post-it, bensì è qualcosa di il piano? Cambiano i tempi di consegna gestire i costi aziendali, organizzare concettualmente più profondo. se accetto, anzi promuovo le modifiche l’eventuale training degli utenti e in corso d’opera? Per non parlare dei soprattutto sedare l’ansia delle persone Pianificare quindi vuol dire cercare di costi. che afferiscono al “business aziendale”. realizzare un progetto con un certo budget, una determinata tempistica e Potrei anche accettare di non basarmi Non è sempre possibile dare risposte uno scope che molti credono essere su un Gantt ma se ho stimato 100 giorni perché non abbiamo chiaro il contesto definito, ma nella quasi totalità dei uomo e un costo di qualche migliaia o tutti i dettagli necessari. Non è solo progetti lo scope contiene una lista di di euro, come faccio ad andare dal importante la vision del progetto ma desiderata più o meno specificati. Tutti committente a dirgli che qualcosa è anche la vision degli stakeholder. In altre sanno che mancano molte specifiche e cambiato nella data di rilascio e nei parole cosa vogliamo realizzare per che necessariamente verranno alla luce costi? loro? Se vogliamo avvicinarci alle loro solo dopo aver visto qualche prototipo, aspettative dobbiamo quasi sicuramente ma nessuno lo ammette. Non si accetta In questa serie di due articoli vi proporrò avanzare a step. quindi questo grado di variabilità e non un percorso che ha come tema la si accetta che siamo già in un progetto pianificazione in ambito progettuale. Nel Se invece il nostro obiettivo è realizzare Agile senza che questo sia riconosciuto. primo articolo analizzeremo la necessità un progetto “chiavi in mano” e puntare


L’Agilità è sistemica Bordeggiare vuol dire adattarsi ai domanda che tutti noi progettisti, PM, cambiamenti del vento, risalire le Agilisti e quant’altro temiamo: Sebbene molti abbiano iniziato con difficoltà, con una modalità antifragile un progetto Agile “pilota”, la nuova piuttosto che robusta. “Ma quanto mi costa e quando me lo metodologia per essere sostenuta e consegni?” per potersi poi diffondere ha bisogno Sempre per rimanere in un contesto di appoggi da parte di diverse funzioni nautico, quanto impiega una barca a Semprepercercaredeiparallelismicredo aziendali. vela per raggiungere l’isola al largo delle che nessuno vada in concessionaria coste dalle quali siamo partiti? Possiamo chiedendo: ”Vorrei un’auto che sia Per dirla con un bellissimo concetto fare una stima certo, considerando comoda da guidare in città e anche per espresso da Marquet nel libro Turn the il vento che probabilmente ci sarà, lunghi viaggi con un pò di optional carini Ship Around, non dobbiamo spostare ma dovremmo anche considerare la e utili e che trasporti un pò di persone. l’informazione verso “l’alto” (intesa come corrente, già più difficile da calcolare. Quanto mi costa e per quando sarebbe vertici aziendali) ma portare “l’alto” verso Quindi come facciamo a capire dopo pronta?” l’informazione. Nell’agilità è proprio quanto tempo arriveremo? questo uno dei passaggi fondamentali. Conclusioni “L’alto” deve andare “in basso” e Stimiamo il percorso e accettiamo acquisire le necessarie informazioni per di avere una stima non totalmente Emerge quindi che nei nostri progetti ci capire le criticità e per vedere come un precisa, iniziamo a percorrerne una sono almeno tre fattori da considerare, il diverso modo di organizzare il lavoro parte e poi rifacciamo la stima per il budget, il tempo e lo scope. può migliorare il processo e la vita stessa percorso rimanente. Reiteriamo questo dei dipendenti. procedimento fino alla fine ad intervalli Dobbiamo capire se il tempo ipotizzato regolari. Questo è sinteticamente per raggiungere la nostra meta con i soldi Non stiamo più parlando di modifica alle l’approccio che possiamo seguire che ci sono stati assegnati è sufficiente o abitudini progettuali, ci stiamo dicendo ma, comandante dell’imbarcazione, se, in corso di progetto, al fine di accettare che un diverso modo di pensare deve equipaggio e persone che ci attendono i cambiamenti è necessario rivedere diffondersi (attraverso coach, scrum a terra devono tutti essere consapevoli la nostra “destinazione”, optando per master, ed esperti agilisti) in vari settori della modalità con la quale stiamo un “porto” più vicino. Approfondiremo aziendali: business, hr, it. conducendo il nostro viaggio altrimenti questi concetti nel prossimo articolo. andremo a creare delle false aspettative Quando il piano sfugge rispetto all’orario di arrivo. Recentemente mi sono trovato a parlare Nell’accezione Agile di progettazione con Marco V., il mio istruttore di vela i cambiamenti sono i benvenuti. e amico, ottimo velista, imprenditore. Naturalmente non è il solo principio da Marco mi chiedeva cosa fosse l’agilità seguire, ma quello che vorrei qui mettere e scrum. Nello spiegarglielo (spero in evidenza. Se i cambiamenti sono i chiaramente) ho fatto spesso riferimento benvenuti e se i clienti sono sempre al suo mondo professionale: le barche a da soddisfare allora non sarebbe più vela e la nautica. facile lavorare day-by-day senza piani? Non avremmo l’assillo delle deadline, Progettare in modo Agile vuol dire dei release plan, la velocity, gli sprint e accettare di andare a vela. Conosco il quant’altro. tuo porto di arrivo ma quasi mai lo puoi raggiungere con una rotta diretta, se ho Chi ha lavorato con questa modalità sa, il vento contro dovrò “bordeggiare”, vedi senza altro aggiungere, che lavorare figura. così è una vera tortura. Alcuni addirittura si spingono a sostenere che non ci sono Andatura di “bolina” di una barca a vela altre possibilità. Purtroppo a volte hanno ragione ed in contesti in cui gli stakeholder non sono in grado di formulare le proprie esigenze e il business dell’azienda è confuso non è facile pianificare e progettare. Malgrado queste premesse rimane costante 29A g i l e I t a l i a


Sei indeciso su cosa studiare per la tua crescita? Siamo consci del fatto che sia un periodo in cui ogni giorno nasce una teoria, una metodologia o una nuova parola. Ma quindi che fare? Abbiamo creato un percorso per mettere l’attenzione su teorie e pratiche che serve sapere, diversificate per DEV, PO, SM e Coach. Scaricalo gratuitamente su https://www.agileforitaly.com/agile-learning-path/


Oltre l’IT a cura di Vito Semeraro Dopo una lunga esperienza come web designer sono passato alla gestione di progetti digitali prima in Seat Pagine Gialle e successivamente in Purple Network. L’incontro con Agile mi ha permesso di modificare molto il mio mindset e il modo di lavorare. Ogni giorno contribuisco nel miglioramento dei processi in startup e aziende con l’obiettivo di evolvere prodotti e applicativi digitali. 31A g i l e I t a l i a


Intervista a Daniela Rinaldi Agile Coach di Galdi s.r.l.


Agile applicato a team di ingegneria meccanica Raccontaci della tua esperienza per avere un’immagine del futuro del e incrementale di cui parla Agile, professionale e del tuo incontro con processo, per avere l’ancoraggio alle non avendo però come ambiente di Agile milestone che davvero importano, ma riferimento lo sviluppo software. dopo 5 minuti dalla pubblicazione il Sono laureata in Architettura e ho diagramma risulta già inesorabilmente Lo studio, insieme all’incontro con il lavorato per diversi anni come Architetto. superato. Direttore di Sviluppo Prodotto Claudio Saurin, (vedi sua intervista Oltre l’IT con Progressivamente sono diventata Quindi ho iniziato a chiedermi se il mio Breton, n.d.r.) sono stati illuminanti nella Project Manager su progetti complessi lavoro davvero dovesse consistere ricerca di pattern da tradurre dall’ambito in ambito edilizio, per comprensori nell’inseguire settimanalmente la IT ad altri completamente diversi; ad edilizi che avrebbe dovuto poi integrare pianificazione per fornire la parvenza esempio quelli che hanno a che fare con la propria presenza con il quartiere e la del controllo sul progetto o non fosse la matericità, quindi con la sfera edilizia città, gestendo contemporaneamente piuttosto più importante focalizzarsi sui o meccanica, sia per processi che per l’ottenimento delle autorizzazioni processi di valore, sulla collaborazione prodotti fisici o con ambiti umanamente della pubblica amministrazione e le tra le persone e sui clienti, per rendere complessi come l’HR. aspettative dei diversi stakeholder. più fluido ed efficace il nostro modo di lavorare come gruppo con interessi, a Le differenze e i punti di contatto Lo stress nell’affrontare questa sfida volte convergenti e a volte divergenti. sono continuati ad emergere anche mi ha portato a cercare delle strategie proseguendo la collaborazione con di gestione del percorso del progetto Per questo motivo ho iniziato a cercare Saurin in gruppi di progettazione di e del processo, che fossero diverse e studiare nuovi strumenti, nuove macchinario industriale, gruppi di lavoro dal modello tradizionale (Gantt e WBS) dinamiche che mi permettessero di che avevano solo tangenzialmente a che il quale mi risultava estremamente aiutare il gruppo cross funzionale con cui fare con il software, ma il cui obiettivo faticoso e noioso da aggiornare lavoravo. Quando all’inizio del 2013 ho erano prodotti fisici. quotidianamente. Sappiamo che iniziato a studiare Agile e Scrum mi sono all’inizio un Gantt è “necessario” e non si resa conto che quanto mi affannavo ad può negare al management e al cliente inseguire era il tipico processo iterativo 33A g i l e I t a l i a


Di cosa si occupa Galdi e come sei Quali sono i primi passi che hai mosso necessità di investire un po’ di tempo per approdata in quest’ambito così in Galdi? comprendere quali prodotti potessero diverso? essere più strategici da sviluppare nel Sono entrata come Agile Coach con medio periodo, per un maggiore ritorno Galdi è una bella azienda del trevigiano, l’obiettivo di impostare un mindset di business nell’arco pochi anni. molto Agile nel suo DNA, che nei suoi Agile partendo da un’essenza già Negli incontri iniziali emergevano liste processi ha abbracciato la flessibilità e il Lean applicata perlopiù nei reparti di di progetti e desiderata aziendali diversi miglioramento continuo. assemblaggio dei macchinari. tra loro e non sempre convergenti. Si occupa di progettazione e costruzione La sfida iniziale era diventare più efficienti Addentrandosi nelle conversazioni di macchine per il confezionamento a monte della fase di assemblaggio, abbiamo compreso che lo stesso di packaging alimentare, in particolare diminuire i tempi di sviluppo dei nuovi Management occasionalmente aveva riempiono liquidi in contenitori di carta, processi o macchinari. visioni discordanti sulle priorità da quelli comunemente conosciuti come Poi quasi subito si è innestata l’esigenza assegnare. “Tetra Pak”. di maggior efficacia: immaginare, capire, Però il fattore essenziale era che il colpire l’essenza di valore business dei gruppo di management si presentava Sono approdata qui dopo aver nuovi sviluppi, quindi entrare anche già con una predisposizione positiva al conosciuto la Direzione Generale nella gestione del Portfolio Prodotti oltre confronto, senza levate di scudi. (Antonella Candiotto) e il Direttore di che nella strutturazione della proposta La percezione che ho avuto Sviluppo Prodotto (Federico Bardini) di valore del macchinario. immediatamente è stata che i dirigenti durante uno scambio di visite aziendali Con il passare del tempo e la messa avessero una visione di innovazione e quando collaboravo con Breton: erano a terra di nuovi modelli strategici sostenibilità degli sviluppi concordanti alla ricerca di un modo per rendere mi sono addentrata sempre di più sui valori di base. più veloci e efficienti i loro progetti di nella collaborazione con i gruppi di Facendo da Agile Coach e spronando macchinari complessi. Anche in questi lavoro diventando anche il loro Scrum a considerare gli impatti combinati di c’è sempre una forte componente Master con l’obiettivo di supportare valore di business e di effort riguardo software sia per l’intelligenza della loro nell’elaborazione del concept del a ciascuna scelta progettuale, siamo macchina che per il monitoraggio dei prodotto. arrivati a creare una Matrice Grafica di micro parametri. Priorità con la quale descrivere i diversi Qui ho trovato terreno fertile per far Quali problemi hai incontrato e come li progetti. attecchire e utilizzare principi e strumenti hai risolti? La visualizzazione ci ha permesso di Agile, ossia la presenza di gruppi di individuare quali erano le scelte da lavoro con competenze specialistiche Il primo ha coinvolto la gestione del perseguire prima e quali da rimandare o diverse e un team commerciale da Portfolio Prodotti, abbiamo avuto la eliminare addirittura. coinvolgere nello sviluppo. Matrice grafica delle priorità


Questo incontro mi ha permesso di Un altro passo avanti verso una visione parziale di un nuovo prodotto: comprendere sin da subito che la transizione Lean-Agile dell’azienda è ingegneristica versus commerciale. transizione sarebbe partita dall”alto”, stato ottenuto durante l’Inception del seguendo il flusso top down, voluto prodotto/progetto: per strutturarne la Costruire e combattere sul campo di un e innescato dalla Direzione e dal vision l’uso del Lean Canvas è diventato Lean Canvas con le varie intelligenze Management, ennesima riprova del loro ormai il primo momento corale di ogni aziendali, permette a tutti di contribuire modo illuminato di fare azienda. nuovo progetto in Galdi. alla visione olistica delle potenzialità di sviluppo in termini funzionali, prima che Tutti gli attori aziendali, nella stessa Sin dall’inizio si è rivelato formidabile per in termini ingegneristici, permette di stanza e nello stesso momento, si stimolare il Management e il gruppo di mettere a fuoco un MVP che sia davvero trovarono a discutere intorno a obiettivi e sviluppo alla discussione (anche accesa) l’intersezione di interessi molto diversi, risultati attesi, MVP di ciascun progetto, per la partenza di ogni nuova iniziativa, raggiungendo quindi una maggiore rispondendo tutti alle medesime un dialogo, a volte uno scontro, da punti qualità offerta e percepita dal mercato. domande e partendo da assunti e di partenza diversi, ponendosi le stesse parametri uguali, verso un migliore domande e ritagliando e cucendo le Alla fine di questo momenti di Inception allineamento generale. esigenze a volte distanti, in modo da che in genere sono più incontri arrivare ad una unica visione condivisa e ripetuti in un breve periodo, si ottiene Solo mettendo a fattor comune tutte nota in partenza. l’elaborazione della vision e si ha le esigenze si è riusciti a delineare un una sensazione più concreta di cosa panorama, inizialmente troppo articolato, Com’è noto, il Lean Canvas non è uno aspettarsi come risultato, dei tempi di ma poi via via sempre più concreto e strumento tipo Business Plan, dalla bella sviluppo e dell’eventuale carenza di limitato, man mano che le esigenze di confezione formale e con power point risorse o conoscenze necessarie alla tutti venivano considerate, analizzate e scintillante a corredo. sua creazione. indirizzate in modo condiviso. Al contrario è un canovaccio piuttosto Questi incontri sono diventati un evento stropicciato, magari un po’ sbilenco (i Ci si fa un’idea più verosimile dell’effort ricorrente del gruppo dirigente, per migliori sono stati disegnati su carta per portare a compimento il progetto allineare la strategia complessiva allo da pacchi!) e sul quale si ritorna, per e dei risultati attesi dopo la sua sviluppo, con il risultato che prima si confermare oppure per smentire implementazione, cercando di evitare affrontavano 3 o 4 nuovi progetti in qualche scelta, in modo “agile”. di scendere nel dettaglio del “come” parallelo con attese di 3-4 anni prima di tecnico. arrivare sul mercato, ora se ne sviluppano Come è stato fatto nella prioritizzazione 1-2 con un gotomarket e relativa prova in del Portfolio Prodotti anche qui dal Quanto si è ottenuto da questo nuovo 18-20 mesi, potendo inoltre beneficiare livello aziendale più alto si è scesi a approccio è in primis la minimizzazione di: quello intermedio, tracciando delle linee di indicazioni non chiare e contrastanti di guida comuni per lo sviluppo del nuovo cosa si aspetta il cliente: questo genera • p● iù velocità data dal ridurre le code prodotto/macchinario, ma soprattutto un risparmio di tempo e porta focalizzare parallele di progettazione; mantenendo ferma la volontà di le proprie risorse. trasformare dei punti di confronto/ • meno necessità di ricorrere a scontro in azioni e scelte pragmatiche. conoscenze/lavoro esterni; Principalmente questo grande lavoro iniziale risolve il problema della • maggior sviluppo e capitalizzazione del know how interno. Lean Canvas 35A g i l e I t a l i a


Un grande vantaggio è venuto dall’aver la dispersione di energie nello studio esprimersi indicando l’inutilità e non portato i Commerciali nel Board della economicità di macchine troppo grandi Vision, insieme alla Proprietà e al gruppo di funzionalità e specificità dal valore e soprattutto dai consumi eccessivi e tecnico, ottenendo da loro interviste che richiedono spazi di installazione e l’ascolto delle esigenze e feedback completamente teorico, concentrandosi adeguati. Il nuovo trend è incontrare di clienti reali, superando l’approccio quindi nicchie di mercato come possono iniziale principalmente ingegneristico, sul prodotto tangibile da vendere anche essere quella delle PMI, laboratori che vedeva anteposta la fase di artigianali e mercati in via di sviluppo progettazione del pezzo meccanico subito e consegnare in 18/24 mesi. come Africa e Sud America. rispetto alle funzioni di valore attese. Questo ha inoltre permesso di ridurre L’azienda ha inoltre beneficiato nel calibrare le macchine sulle esigenze crescenti green del mercato e delle aziende in materia di sostenibilità ambientale: l’atteggiamento ecosostenibile di Galdi ha potuto Product Canvas Verso la fine dell’Inception di prodotto si Questo approccio suppone quindi un funzionalità, con impatti concatenati, con inizia a una fase di Concept del progetto, salto fondamentale dal pensare la interazioni dell’operatore e con outcome molto spesso utilizzando un Product macchina come non solo composta che comporranno il valore complessivo Canvas, con l’ideazione di una o più ingegneristicamente da un insieme percepito. personas e la descrizione delle journey di moduli meccanici singolarmente di processo, con focus sull’interazione performanti, ma soprattutto come un tra il prodotto e gli operatori/clienti. organismo complesso che eroga diverse Mappa di Impatto


Quasi in sovrapposizione e prima di che sul mezzo, considerando sempre il Nel momento in cui inizia lo sviluppo passare alla progettazione, si procede a macchinario un organismo complesso in della progettazione del singolo una mappatura degli impatti dei singoli un delicato equilibrio di causa ed effetto. macchinario si passa all’utilizzo di una sviluppi in stile “Impact Mapping”, dove Ci tengo a precisare che questi momenti Sprint Board, sulla quale lavorano sia (di nuovo) si analizzano non i pezzi di analisi e sviluppo non sono fasi distinte sviluppatori meccanici che software, gli meccanici, ma i risultati ricercati, per es e successive, ma si affrontano in modo specialisti dei processi tecnologici e di “grado di igienicità della macchina” o incrementale, per iterazioni successive ingegnerizzazione, i tecnici collaudatori una data performance funzionale. e in alcuni momenti in parallelo. e il personale del service post vendita. In sintesi cerchiamo il focus più sul fine Product Backlog Siete andati oltre, arrivando anche In alcuni casi è stato preferito un metodo Trasversale a tutto è il reparto di Ricerca migliorare i processi alla base della Kanban, a flusso continuo. Dipende dal e Sviluppo dove si usa principalmente costruzione delle componentistiche? tipo di sviluppo, se è molto innovativo un’impostazione Agile per effettuare o se si tratta di processi e prodotti prove, studi, pezzi prototipali ed Tariamo il modello in base all’outcome abbastanza consolidati. esperimenti e poi validarli in modo iterativo. desiderato. In generale dal momento Eccezione viene fatta per il lancio dei materiali (dove rientra il Lead Time Galdi ha avuto beneficio da alcuni dell’Impact Mapping in poi utilizziamo Lean), anche se per alcuni processi di eventi descritti in Scrum; ma soprattutto prototipazione rapida si può applicare l’adozione degli Sprint che in generale un Backlog per censire le attività, la loro un binario preferenziale di Fast hanno permesso al team di lavoro di Procurement, per poi riprendere gli acquisire “ritmo” e di prefissarsi a ogni prioritizzazione e peso. Sprint e una visualizzazione stile kanban ciclo un punto di arrivo rispetto a uno nel reparto assemblaggio; utilizziamo di partenza, un momento di analisi Il tempo dello sviluppo progettuale, invece solo Kanban nella fase di collaudo dei risultati e della performance, volti del prodotto. sempre a un continuo miglioramento, lo dell’assemblaggio e del collaudo poi è Sprint nei fatti ci ha aiutati a comprendere Sempre al collaudo stiamo introducendo meglio e a mettere a sistema il noto in genere scandito da Sprint quindicinali. la scrittura e mappatura dei test tramite adagio di “tagliare a fette il grande OKR. elefante” per gestire la complessità. Vedo che le persone dei gruppi percepiscono istintivamente la diminuzione della complessità organizzativa quando il loro impegno è scandito in tempi più brevi e certi e attività più “affettate” come quelli tipici di uno Sprint rispetto all’intera mole compatta, indifferenziata e incombente di mesi di sviluppo. 37A g i l e I t a l i a


Il team come ne ha beneficiato? staremo a vedere i progressi, c’è da Queste pratiche dove porteranno Galdi lavorarci. nel futuro? Oltre a quanto ho già accennato prima, Da circa un anno è stato strutturato sul ritmo e sulla diminuzione della anche un Laboratorio che è dedicato L’obiettivo dichiarato sin dall’inizio complessità, Agile ha permesso di alla ricerca e sperimentazione, sia per il è di sviluppare prodotti che arrivino trasferire le conoscenze anche ai più prodotto fisico che per i processi, con un più velocemente sul mercato e che giovani e inesperti, una volta inseriti assetto integralmente Scrum come ho rispondano in modo più preciso alle in questo tipo di gruppi di sviluppo. La accennato prima. richieste dei clienti. E questo rimane nascita e la valorizzazione di gruppi Vedo con soddisfazione che lavorano come punto fermo. cross funzionali ha spronato gli junior per esperimenti in loop successivi e che L’impressione che ho dell’azienda è al confronto e a chiedere supporto e soprattutto hanno la volontà esplicita che il gruppo di Marketing tra qualche consigli. di comunicare in modo trasparente tempo potrebbe essere pronto ad un Secondo il Profilo Motivazionale di Reiss al resto dell’azienda, sono il contrario intervento Agile mirato, in quanto già noi tutti abbiamo 16 strategie e risorse di un gruppetto di “carbonari” slegati collabora all’Inception del progetto e motivazionali alla base della personalità. dall’ecosistema azienda, sono inclusivi partecipa solo ad alcune review degli Ad esempio alcune persone vivono riguardo agli altri reparti e viaggiano Sprint: il loro apporto e partecipazione è come bisogno forte l’indipendenza, altri consapevolmente verso la crescita ovviamente fondamentale per centrare il potere ecc. delle persone, rimettendo in circolo le gli obiettivi di business. Dai profili personali derivano quelli conoscenze aziendali sia quelle esistenti Mi aspetto novità dalle persone di HR, professionali e il modo di relazionarsi che quelle in sperimentazione. alla fine del percorso di formazione, non con l’altro. Partendo da questo assunto Qui ci sono solo persone giovani, sia potrebbe essere diversamente perché lavorando con le persone con maggiore anagraficamente che come anzianità l’ambiente è favorevole per evolvere seniority e indole indipendente, si aziendale, che sono entrate in azienda alcune pratiche aziendali, al di fuori dai riesce ad incentivare la condivisione e respirando subito l’assetto Agile come team di sviluppo. la collaborazione, dando enfasi a questi una cosa naturale. Potremmo riparlarne tra qualche valori per un proficuo lavoro di gruppo e Mi rendo conto, chiaramente, che è più mese, quando le novità saranno state il knowledge transfer. facile quando non ci sono da superare metabolizzate. Mi fanno notare inoltre che i team o cambiare abitudini pregresse, è la di sviluppo che erano partiti prima situazione ideale. Immagino che queste pratiche dell’ingresso dell’agilità in azienda, Parliamo poi di HR. Credo che si siano porteranno l’azienda ad essere un posto ancora sono gruppi più conflittuali, in cui accorti del mood differente esistente dove si lavora con più soddisfazione e resistono le barriere tra un dipartimento all’interno dei team di Progettazione che motivazione, dove le persone riescono a aziendale e l’altro. stanno vivendo questa transizione, con crescere e ad apprezzare il loro lavoro. alterne passioni e risultati. Non voglio qui dire che diventerà un L’essenza Agile ha contaminato anche Abbiamo parlato più di una volta paradiso farlocco, in quanto lavorare in altri reparti? dell’agilità che è in realtà un insieme di questo modo richiede consapevolezza e principi molto vicino all’impegno delle responsabilità, per alcuni non è facile, per Sì, vedo alcuni sviluppi promettenti. persone di HR. alcuni risulta proprio non confortevole Le persone deI reparto di produzione, HR sta seguendo una formazione l’essere caricato di responsabilità diverse per assemblaggio e collaudo, si trovano Agile HR in parte impostata su quanto da quelle tradizionali di un dipendente coinvolte a lavorare con questi gruppi di elaborato da Pia-Maria Thoren (dalla esecutore. progettisti e sviluppatori i quali danno la quale ho preso una interessantissima E non penso neppure che le persone sensazione di costituire un corpus, non certificazione Agile HR) perché in debbano essere forzate ad entrare in dico “compatto” perché non siamo nel azienda si sta allargando l’influenza di team che lavorano in modo autonomo, mondo delle fate, ma è un gruppo che valori, principi e strumenti dell’agilità si rischia di caricarsi di sabotatori che avanza cercando la compattezza, con business, che oltre ai gruppi di Sviluppo invece potrebbero lavorare molto alcune differenze tra i vari team, per sta “gentilmente” contaminando altri meglio in altri team meno sfidanti. cui il moto circolare che li accompagna reparti, come anche gli Acquisti (canale Ci vuole consapevolezza e non è una nell’avanzamento vorrebbe includere i Lean per il macchinario standard e il questione di serie A e serie B, Agile non reparti a valle dello sviluppo. canale Fast per le prove). è per tutti. Tutti vogliono entrare a giocare questo gioco? Eh no, le resistenze ci sono,


Daniela Rinaldi Sono appassionata di tematiche Lean e Agile alle quali mi ispiro, in modo strutturato e consapevole, per la gestione di innovazione dei processi aziendali, in modo ibrido e innovativo. In relazione alle tematiche di innovazione manageriale, supporto come Temporary Manager e Scrum Master alcune aziende del settore meccanico, elettromeccanico e sviluppo sw. Mi occupo inoltre di formazione d’impresa per l’innovazione manageriale, in collaborazione con l’Associazione Nazionale dei Costruttori Edili di Verona, per conto della rete d’imprese «Laboratorio d’Impresa 3.0» e per L’Ordine degli Ingegneri di Trento. Inoltre sono relatrice in materia di Gestione di Progetti in modalità Lean e Agile in alcuni convegni di settore (Agile Business Day 2018, Torino Agile Conference 2018, Italian Agile Days 2017, PMI Norther Italy Chapter 2014, Italian Agile Days 2014 ecc) e partecipo ai più importanti convegni in materia, trovando sintonia con i relativi valori fondamentali. In qualità di Responsabile Tecnico in uno studio veronese (25 addetti) mi sono specializzata nella gestione progetti complessi e nella direzione dei lavori, di interventi residenziali, alberghieri e commerciali. In sintesi: l’orientamento al cliente, la ricerca del «valore» per lo stesso, la transizione verso organizzazioni che sviluppino il «flusso» del lavoro, eliminando tutto ciò che è «spreco», la trasparenza nei rapporti e nei metodi, la ricerca della competenza e non della competizione, il riconoscere l’unicità delle persone e non cercare dei «numero uno», l’innovazione e la transizione piuttosto che la trasformazione e lo sviluppo. Focus centrale del mio lavoro la flessibilità e l’importanza data alle persone, alle relazioni, la centralità dei processi positivi e funzionali e la collaborazione piuttosto che la difesa del contratto, ma sempre alla ricerca del «valore». 39A g i l e I t a l i a


Vuoi aiutarci a crescere? Cerchiamo Sponsors scrivi a [email protected]


Liberare il potenziale umano nelle conversazioni di Carlo Gandolfo Idealista pragmatico: da 25 anni prova a cambiare il modo di fare le cose, prima con i computer e poi con le persone. \"Tutte le trasformazioni riuscite sono uguali, ogni trasformazione in corso è infelice a modo suo: la chiave di volta sono sempre le persone e ciò che impedisce loro di essere liberamente geniali. Oltre ai processi, alle metodologie e ai framework a zampa di elefante\". Questa è l'unica convinzione che ha, per il resto solo domande e felici dubbi. 41A g i l e I t a l i a


È lunedì mattina, siamo appena rientrati in ufficio. non sono i colleghi, non sono i leader. Alle 12 abbiamo una riunione importante e dobbiamo an- Deming ci insegnava: “Un cattivo sistema vincerà sempre cora completare la presentazione. su una brava persona”. Studiamo, ci prepariamo e, poi... un dettaglio, un termine Il problema sono le modalità con cui siamo stati abituati a sbagliato, o qualcosa che nel frattempo è cambiato senza gestire le relazioni. che lo sapessimo… L’idea che ci piaceva, alla quale eravamo affezionati, non Le Liberating Structures passa. Non viene neanche ascoltata. Due manager e facilitatori americani - Henri Lipmanowicz L’attenzione scivola su altro, poco importante. e Keith McCandless - hanno raccolto e formalizzato alcuni Tutto diventa faticoso, noioso, stancante. strumenti di facilitazione che hanno chiamato Liberating Eppure nella stanza ci sono altre/i colleghe/i che avreb- Structures (LS). bero potuto sostenerla, ma sono rimaste/i in Si tratta di strumenti per aiutarci ad interagire: semplici, silenzio. modulari, ben definiti, facilmente adattabili e rapidamente Non sono state prese decisioni o è stata presa la decisione intercambiabili. di chi parla più forte o di chi è pagato meglio. Anche se a Le LS ci possono aiutare a strutturare collaborazioni inclu- tutti è evidente quanto sia inefficace. sive, efficaci e divertenti, e ci aiutano ad avere un grande Chi non ha mai vissuto questa frustrazione? impatto con un piccolo sforzo, attivando la magia dell’in- E chi si è sentita/o imporre delle best practices poco adat- telligenza collettiva. te al contesto, e soprattutto poco adatte al proprio modo Attraverso il loro utilizzo possiamo implementare nuove di fare e di essere? abitudini, più efficaci e divertenti, valorizzando la voce di Son certo che anche a te piacerebbe se esistesse un modo tutti e coinvolgendo ogni talento. di cambiare questa modalità. Anche il luogo più noioso può diventare un contesto in cui Per coinvolgere veramente le persone. è divertente e piacevole lavorare, trasformando un’abitudi- Per poter dare il massimo di sé. ne alla volta. Per non sprecare i talenti propri e delle colleghe e colleghi, compresi i talenti che spesso neanche sappiamo esistere. Chiunque vorrebbe far parte di un’organizzazione centrata su partecipazione, inclusione e collaborazione. Il problema non sono quasi mai le persone: non siamo noi,


Oltre le riunioni classiche Infine abbiamo chiuso con 15% Solutions. Le classiche riunioni, alle quali siamo stati sempre abituati, da Con questa struttura si chiede prima di identificare il più sempli- decenni vengono utilizzate per convincere, insegnare, discutere, ce contributo - individuale - che possa essere agito immediata- generare idee… ma la loro utilità è limitata dai loro effetti col- mente senza necessità di risorse o persone esterne. laterali: partecipanti annoiati, dinamiche di potere, frustrazione, Definito il da farsi i partecipanti lo condividono in coppie, pren- inefficacia… dendo con se stessi un impegno concreto sul come e quando Le LS invece sono adattabili e pensate per superare questi limiti. attuare ciò che hanno deciso. La loro proposta di valore è nell’aiutare gruppi di persone - di Costruire senso attraverso una narrazione condivisa ogni tipo e dimensione - a migliorare radicalmente il modo in cui Quindi cosa è successo? Siamo partiti dall’esperienza, abbiamo interagiscono e collaborano. esaminato il problema e infine identificato la soluzione. Attin- Le Stringhe gendo al sapere proprio e altrui. Semplice ma efficace. Ma facciamo un passo in più: la sequenza ordinata di questi L’alto grado di partecipazione consente di far tesoro delle di- strumenti, concatenati seguendo un filo logico, viene chiamata verse esperienze. Alla narrazione comune partecipano volentieri Stringa. sia l’esperto sia il novizio, sia l’estroverso sia l’introveso e tutti La peculiarità delle Stringhe di LS è quella di condividere la portano valore. stessa struttura delle singole strutture formando metaforica- Ognuno calibra il proprio intervento sulle proprie aspettative e mente una sorta di struttura frattale. competenze, mentre il contenuto emerge dalle interazioni. Costruire le Stringhe è semplice e si parte sempre dalle per- Volendo questa è una stringa particolarmente efficace anche sone: quante sono, quanto tempo hanno a disposizione, quale per condurre una retrospettiva. obiettivo vogliono raggiungere. Oltre l’IKEA Effect Una Stringa di esempio Grazie a tre semplici LS siamo andati oltre al cosiddetto IKEA Ma guardiamo un esempio pratico. effect: quel meccanismo che ti fa sentire particolarmente legato Recentemente ho facilitato un breve workshop introduttivo al a qualcosa per il semplice fatto che l’hai realizzata te. mindset agile, e alle difficoltà che questo incontra nello scon- Il sapere è stato davvero portato dai partecipanti e le domande trarsi con la cultura di un’organizzazione. hanno guidato, come semplicissime istruzioni d’uso. Siamo partiti da Impromptu Networking: una rapida struttura per La narrazione finale è stata costruita in maniera veramente con- attivare i partecipanti partendo dalla loro esperienza con il tema. divisa. Le regole sono semplici: in tre turni di 4 minuti coppie casuali Ogni voce è stata presa in considerazione, e ciò che ne è uscito (sempre diverse ogni turno) si confrontano sulle domande poste è stato davvero interprete dello spirito dei partecipanti. dal facilitatore. Chi non parla ascolta in silenzio, per 2 minuti. Al contrario dei mobiletti sghangerati di cui ci siamo innamorati Poi ci si scambia nella coppia e infine si cambia coppia. Ognuno però, con le LS i risultati sono di qualità veramente molto alta. parla in tutto con altre tre persone dello stesso tema. Ogni volta Quel che si crea emerge dalla sinergia dei saperi, degli insight e consolida i dettagli importanti e li arricchisce con ciò che ascol- delle emozioni di tutti. ta. Dopo neanche 15 minuti ogni partecipante ha ascoltato sé e Pochi strumenti semplici, efficaci e divertenti con poco sforzo altre tre persone, in sessioni rapide e ritmate. possono fare la differenza nell’aiutarci a ritrovare il senso pro- In questo modo si è creata rapidamente una narrazione condivi- fondo della cooperazione nel team e tra i team. sa e dei legami - fluidi ma potenti - all’interno del gruppo. Usarli aiuta a cambiare le abitudini. Condivise le esperienze e le proprie differenze abbiamo giocato Cambiare le abitudini è il primo passo per cambiare il mindset. con TRIZ : una delle LS tra le più divertenti. Funziona così: in piccoli gruppi si ragiona prima su come far fal- lire nel modo peggiore possibile un obiettivo, costruendo un elenco di comportamenti negativi. Partendo da questo elenco si esamina voce per voce identificando cosa assomiglia a ciò che già facciamo, come individui o come gruppo. Infine ci si confron- ta su come interrompere i comportamenti più nocivi. 43A g i l e I t a l i a


Middle Management scopo,paure, contraddizioni, errori Tiziano Interlandi Divulgatore e Developer. Agile Coach e Software Engineer in Cerved Group. Co-founder di AgileForItaly, AgileItalia e Agile-Experience Conference. Founder di AgileMentoringItalia Batterista e fonico.


Fin dal primo giorno mi è sempre stato Scommetto che ho acceso la vostra sento di dire con sicurezza che non esiste raccontato che il problema nella attenzione e che in qualche modo ognuno un ruolo più facile di un altro, non esiste mancanza di adesione ad Agile da parte ha pensato ad una persona. un ruolo meno importante di un altro. delle organizzazioni è da imputarsi al Middle Management. Visto che passiamo molto del nostro Esistono Manager mediocri quanto Dev tempo a spettegolare (leggete il libro di pessimi, Manager illuminati come Dev Rappresentati sempre come inetti, Yuval Harari - Da animali a dèi - il gossip è incredibilmente visionari. imbruttiti e incompetenti, passano le quel meccanismo che ci permette di capire loro giornate a controllare e insultare le le relazioni di potere all’interno del nostro In Agile (ma penso in tutto) è molto persone. gruppo), tutti abbiamo almeno una volta rischioso ragionare in maniera binaria, sperimentato questo nostro meccanismo buono/cattivo. Tutti hanno caratteristiche Tutte le nostre frustrazioni riguardo a atavico che in qualche modo ci aggrega incredibili ed aspetti migliorabili. Non per realizzazione, carriera, stipendio, orari, intorno a simili con simili problemi. questo possiamo catalogarci in capaci/ aspettative sono catalizzate dalla figura incapaci. del Manager, atavicamente rappresentato Ecco, in 8 anni di Agile ho capito che forse come un uomo/donna in abito nero. è ora di smettere di concentrarci su In questo articolo non faremo la Come dei Men in Black si aggirano tra quanto non sia adeguato il Management, solita vecchia e inutile classifica delle le scrivanie cercando modi creativi di cercando invece di comprendere le caratteristiche che deve avere quello rovinare le nostre giornate, traendone sue peculiarità, ma anche cercando di o l’altro, ma bensì cercherò di spiegare un giovamento come il Signor Burns dei spostare l’attenzione su di noi, che spesso i motivi per cui far parte del Middle Simpon. siamo in attesa di altri rispetto a soluzioni Management è una fregatura e quindi e idee. sarebbe il caso di aumentare il nostro A fine giornata si radunano tra di loro, livello di consapevolezza affinchè le perché con i sottoposti non si mischiano, La mia attuale esperienza lavorativa è nostre aziende possano arrivare all’agilità, sbeffeggiando gli altri tra fiumi di coca e ormai di lunga data, 10 anni, nei quali sono lasciando stare concetti come la Business amanti, meglio ancora se la fornicazione passato da Dev a responsabile di Team, Agility (che sinceramente vuol dire tutto avviene tra colleghi. Meglio ancora se per poi passare a Scrum Master, Agile e niente), che sono impossibili da mettere ciò avviene con un sottoposto/a che Coach e poi Manager. in atto se prima non abbiamo costruito un automaticamente diventa arrivista ed è li tessuto di consapevolezza. solo perché concede le proprie grazie. Ringrazio l’Universo per avermi fatto fare tutti questi passaggi, evitando passi Per dirla tutta: inutile che parli di Business Concludendo: maledetto/a che ha la troppo lunghi. Agility se non hai ancora capito il Manifesto. macchina aziendale e io no. In ogni ruolo ho potuto assaporare le cose belle, quelle brutte e le difficoltà e mi 45A g i l e I t a l i a


IL CONFLITTO DI INTERESSI APPARENTE Quando un’organizzazione dà il via ad una transizione Agile spesso il Middle Management viene investito dell’arduo compito di far sì che si realizzi. Lo ricordiamo spesso: una transizione è una trasformazione culturale con tutte le complessità che essa comporta. Il Middle Management è pressato solitamente da due fronti: il Top Management ed i team, ognuno con le proprie aspettative. LEASPETTATIVE DEL TOP MANAGEMENT Il contesto ideale (e spesso idealizzato) televisivo) è che otterrai risultati in varie comprende una pipeline di erogazione del aree a patto di capirlo, studiarlo, praticarlo. Quando i C-Level decidono di valore verso il cliente costante, totalmente Le deviazioni da quanto dice il Manifesto, intraprendere una trasformazione incentrata sui suoi bisogni, priva di sprechi Scrum, Lean non portano benefici ma possono avere ben chiaro l’outcome di e che lascia spazio alla sperimentazione bensì è controproducente e frustrante. un processo di trasformazione oppure continua. provare ad effettuarla in contesti pilota Chi legge i miei articoli sa che le cose per poi decidere se estendere al resto Prima però di lasciarci affascinare dallo amo prenderle molto alla larga, ma serve dell’organizzazione. scenario idilliaco/idealizzato dobbiamo sempre il giusto contesto. affrontare le nostre realtà, con i loro Riassumiamo: spesso il Middle Solitamente gli outcome attesi possono problemi e le loro caratteristiche. Management viene investito del essere: compito di avviare e portare a termine la • velocità di erogazione verso il cliente Volendo essere un po’ più collegati trasformazione agile in un contesto poco • diminuzione dei costi alla realtà nella maggior parte dei casi chiaro al Top Management che vede in l’agilizzazione oggi rappresenta un Agile qualcosa che possa migliorare le in contesti più consapevoli aggiungiamo: esperimento che molte aziende fanno cose in termini di profitti e risparmi. • diminuzione della difettosità sulla scia della crescente notorietà di Questa cosa non è assolutamente • focalizzazione sulla soddisfazione del questo mondo, senza dare la giusta negativa, non possiamo pensare che importanza, ma pretendendo risultati. i C-Level debbano conoscere tutto a cliente menadito, loro il compito di dare una Il passaggio mentale molto rischioso è direzione ed ascoltare. in contesti altamente consapevoli pensare che Agile sia uno strumento aggiungiamo: e non un mindset, pensando quindi di E’ allora il Middle Management che deve • miglioramento della qualità lavorativa «installarlo» in azienda e ottenendo quindi prendere questo in carico e portarlo in quanto agile promette. essere, come crede e con gli strumenti dei dipendenti e quindi ritorno in che ha. termini di outcome verso i clienti Ciò che promette Agile (non mi piace • voglia di estendere l’agilizzazione a usare questo termine che sa di imbonitore tutte le aree (ad esempio Finance e Operations)


Dobbiamo pensare però che tutto ciò Se i C-Level non hanno minimamente più complesso. avviene a T0, ovvero anche il Middle paura di vedere intaccato quanto hanno, Management deve essere formato e per i Middle Manager questa è una paura Spesso il Middle Manager non ha deve praticare. Ecco allora che vengono che rischia di autoalimentarsi fino a piena autonomia nella messa in atto chiamate figure esterne per la formazione portare ad estrema frustrazione e ad uno di cambiamenti su qualifiche, ruoli, e l’accompagnamento iniziale, oppure stallo per l’intera azienda. dinamiche. viene assunto qualcuno già formato Facciamo un esempio: diciamo che il dall’esterno, che spesso viene inserito Oggi parliamo di Manager come colui Manager X decide di voler applicare Less nel Middle Management, difficilmente che deve far crescere gli altri. In Agile nella propria area. Questo comporterebbe occupa immediatamente un C-Level. sappiamo bene quali sono le pratiche, una serie di cambiamenti profondi, quali: modalità, idee che possono trasformarci • la creazione di un demand congiunto Ma allora dov’è il conflitto di interessi? da un manager command&control ad un coach. per accogliere le richieste dal di fuori; Al Middle Management viene insegnato L’azione di aiuto altrui deve essere vista • una «fluidità» nei team al fine di che i team devono essere autonomi, cross come un qualcosa che accresce tutti, funzionali, Empowered. Il messaggio non come una privazione. Il Manager non perseguire maggior cross funzionalità; che passa è che irrimediabilmente un rinuncia a qualcosa facendo crescere • creazione di infrastrutture per la Middle Manager non avrà un posto in una un suo sottoposto o un suo «pari». E’ organizzazione che è basata su Agile. proprio l’atto di isolarsi che innesca un continuous delivery; Questi pensieri e ragionamenti hanno meccanismo a catena difensivo in cui • un quasi totale azzeramento delle spesso alla base l’acredine spiegata ad tutti cercano di proteggere il più possibile inizio articolo, poco fondati e molto poco quanto hanno raggiunto. qualifiche classiche (ad esempio professionali da far passare. l’architetto). Insomma come detto ormai in questa Il Middle Manager dovrebbe quindi rivista centinaia di volte: visione sistemica Simili cambiamenti devono essere avviare, sostenere e portare a termine o per chi ama di più la naturopatia, olismo. necessariamente condivisi con i C-Level qualcosa che in futuro lo escluderà. in maniera tanto importante quanto Detta proprio terra terra: si scava la IL MIDDLE MANAGER NON HA «PIENI è bassa la consapevolezza di Agile in fossa da solo. POTERI» azienda. Spiego meglio: un’azienda all’inizio di una trasformazione non può Ma allora perché un Middle Manager Prima di tutto coosa intendiamo per pensare di approdare a framework come dovrebbe fare questa cosa? «pieni poteri» ? Spesso mi vengono Less senza prima aver fatto un percorso Ovviamente problemi simili avvengono rivolte affermazioni del tipo: tu che puoi... di crescita dalle basi. per i Project Manager, per gli Analisti, tu che sei importante... Il Top Management in questi casi andrà per i Tester, per i Product Manager. In Solitamente rispondo sempre nello cauto. generale durante una transizione tutti (a stesso modo: forse non ti è chiaro... In organizzazioni che già sperimentano parte i developer che se la ridono sotto i da anni ed hanno compreso i concetti baffi) hanno paura di perdere ciò che per I «pieni poteri» dal punto di vista dei team base (soprattutto hanno appreso dagli anni hanno costruito. significano poter assumere a discrezione errori commessi) il livello di libertà verso nuovi dipendenti, chiamare consulenti il Middle Management può aumentare, Ma allora che fare? esterni, investire autonomamente in fino a diventare completo. In questi casi formazione, acquistare materiale. abbiamo creato una zona «safe» dentro LO SCOPO DEL MIDDLE MANAGEMENT la quale possiamo sperimentare senza Questi punti potrebbero essere creare danni irreparabili all’azienda. Un corretto servizio consulenziale esterno semplicemente risolti dando al Middle dovrebbe innanzitutto raccontare dove si Management pieno potere su un Per concludere questa sezione: il Middle andrà a parare anche nei ruoli/posizioni budget prestabilito, per le trasformazioni Manager deve saper aspettare il momento che non sono dev/po/scrum master. organizzative e culturali questo è molto corretto per proporre cambiamenti anche radicali, parlando costantemente con il Top Management senza fare passi troppo azzardati che potrebbero annullare anni di transizione. 47A g i l e I t a l i a


LA BLACK BOX DAL BASSO VERSO L’ALTO Questo meccanismo di promozione andrà avanti fintantochè riuscirà ancora a Dobbiamo pensare che le organizzazioni IL PRINCIPIO DI PETER: LA PERDITA DI comprendere cosa sta succedendo al di sono agitate da due principali forze base: CONTROLLO E COMPETENZE PRATICHE sotto della sua catena gerarchica. Arrivato • Cosa vuole il Top Management; a questo punto non potrà più fare carriera • Cosa vogliono i Team. Anni fa un collega e amico mi raccontò in quanto non potrà più dimostrare di questa cosa a cui non volevo credere, ma essere «veramente bravo» da meritare Ognuno vede una black box ed il Middle che purtroppo nel tempo ho visto spesso un posto più in alto. Management può essere l’attore che avverarsi. permette trasparenza o non trasparenza. Il Principio di Peter ha due corollari dedotti Il Principio di Peter è una tesi paradossale dall’affermazione principale. Il Top Management ha una visione e riguardante le dinamiche di carriera su 1. Con il tempo, ogni posizione lavorativa vuole risultati ingaggiando il Middle basi meritocratiche in organizzazioni Management, i Team vogliono autonomia, gerarchiche. tende a essere occupata da un crescita e informazioni dall’alto. E’ noto anche come Principio di impiegato che non ha la competenza Incompetenza. (wikipedia). adatta ai compiti che deve svolgere Ma come può quindi un Middle Manager 2. Tutto il lavoro viene svolto da ottenere queste due cose senza rimanere Il Principio descrive in maniera satirica quegli impiegati che non hanno schiacciato da queste due forze. come la carriera sia possibile fino a ancora raggiunto il proprio livello di quando non si capisce più cosa fanno le incompetenza Da questo momento con «basso» persone sotto di te. indicheremo «dai Team». Il termine è «In una gerarchia, ogni dipendente tende e quindi: ogni cosa che funziona per un da indicarsi come inserito nel contesto a salire di grado fino al proprio livello di particolare compito verrà utilizzata per di un organigramma classico e non incompetenza» compiti sempre più difficili, fino a che si vuole essere dispregiativo (leggete la romperà. conclusione per favore). Facciamo un esempio pratico: la persona X fa il developer ed è tanto bravo da Cercate di leggere il vero significato Vediamo questo problema prima dal diventare Team Leader di un piccolo di questo principio che non è «chi sta basso verso l’alto.: gruppo. In questo gruppo partecipa alle sopra non capisce niente», ma bensì più • la perdita di controllo e competenze attività del team e ne comprende scopi, si sale nella gerarchia e più è necessario tecniche ed efficacia. trovare modi alternativi di dare e ricevere pratiche; Si scopre che X è bravissimo come informazioni e ci si discosta molto dalle • la delega; Team Leader e lo mettono a capo attività pratiche. • nuove forme di Management anche di un altro gruppo. Le attività sono tante ed è costretto a diventare Questo meccanismo lo vediamo in frasi e poi dall’alto verso il basso un po’ meno operativo e più spostato del tipo: mi stai dicendo che ci vuole così verso attività organizzative e quindi deve tanto per questa cosa così facile? oppure • sperimentare e fare da apri pista necessariamente delegare qualcosa. Ma cosa ci vuole? • portare dati oggettivi a supporto degli Spesso a malincuore. Ma X è veramente bravo e diventa un Un Manager moderno NON si comporta esperimenti Middle Manager, a capo di 6 team. Ora è così. ancora più difficile fare attività da dev e ma anche lateralmente deve delegare ai suoi primi riporti molte Il Command&Control si annida in questo attività. Principio, ovvero sembra che l’unico • comunicare verso l’esterno Staccandosi dalla «trincea» X avrà modo per sapere cosa stia succedendo • creare una community di manager. necessità di allineamenti. Ma ancora sia di dare compiti e verificare. capisce cosa sta succedendo. La buona notizia è che non è l’unica strada.


LA DELEGA pratica può essere estesa a qualsiasi pensiero che le cose si delegano o no. relazione anche tra pari) si incontrano e Sono un gran sostenitore delle idee e decidono quali temi vogliono affrontare. Questa attività produrrà una maggior pratiche del Management 3.0 di Jurgen trasparenza tra le parti e potrà calmare Appelo e penso che il Delegation Poker Ad esempio un dev potrebbe portare eventuali frizioni che nel corso del tempo sia uno strumento veramente potente. allo Scrum Master o al proprio Manager si sono stratificate. la volontà di avere maggior libertà nella Il Delegation Poker permette di mettere scelta di una tecnologia. Le parti decidono ogni quanto rivedere in forte contatto un Manager con una o Nello stesso incontro il Manager o insieme il livello di delega su quanto più persone discutendo e decidendo sul Scrum Master potrebbe portare come deciso e ogni quanto portare nuovi temi livello di delega che gli attori possono tema «quando il Manager deve essere sul tavolo. mettere in atto. informato in caso di problemi». Il Middle Manager in questo modo ha La delega non è si o no, ma bensì una Le parti utilizzano il mazzo di carte per sotto controllo il proprio livello di stress serie di livelli che vanno da «Io Manager discutere su quale livello di delega rispetto a ciò che avviene sotto di lui, ti dico cosa fare» a «fai pure e neanche atterrare insieme. Il mazzo è composto mettendo da parte il meccanismo umano mi devi informare». da 7 carte in cui si passa dal «Ti dico e lo di Command&Control. fai» a «Lo fai e neanche me lo dici». Come si svolge Le parti coinvolte (attenzione che questa Sette livelli sono tanti e ci fanno uscire dal TROVATI QUALCOSA DA FARE In termini pratici cosa vuol dire? In assoluto NON devi essere un collo di bottiglia. Spesso ho detto ad alcuni amici e Se sei un Manager segui direttamente un Diciamo quindi che un Manager dedica il colleghi: trovati qualcosa da fare. progetto come Scrum Master. Praticare 30% del proprio tempo ad un Team in cui Scrum come Scrum Master ci aiuta a fa lo Scrum Master ed il 70% ad aiutare Sembra una frase sgarbata e fuori migliorare le nostre abilità relative al gli altri nella loro crescita e nel formulare luogo, come se si sottindendesse che la coaching e vedrete che ci serviranno. esperimenti e produrre dati oggettivi. persona non stia facendo nulla. Ovviamente questa attività non può Spesso sento dire che il Manager è un In realtà la sfumatura è molto pratica: essere full time e deve essere scelta ruolo «liquido» che a fine giornata ti fa trovati relamente qualcosa di pratico da oculatamente. Non può assorbirti pensare: «ma oggi cosa ho fatto?». fare, non lasciarti sedurre dal Manager completamente distogliendoti dalle altre Rimanere in qualcosa di estremamente che nel principio di Peter arriva ad essersi aree di cui sei Manager, ma neanche così pratico ci permetterà di mitigare questa totalmente scollato dalla realtà. piccola che finirai per disinteressartene. sensazione. 49A g i l e I t a l i a


MANAGEMENT BY COACHING al fianco dei team, guardando la loro sistemico (ad esempio progetti Six giornata, cogliendo la comunicazione Sigma per saving o diminuzione della Sempre più spesso sentiamo dire che il non verbale. difettosità). Manager Moderno deve trasformarsi in Tutto questo però ha un punto senza il un Coach che aiuta gli altri nello sviluppo Sicuramente molti vi faranno domande quale tutto diventa vano ed etereo. delle proprie potenzialità. o chiederanno il vostro supporto per il solo motivo che vi vedono. Si sentiranno DATI OGGETTIVI In contesti molto ampi è molto supportati ed ascoltati. improbabile se non controproducente Possiamo fare mille esperimenti ma se pensare di essere a disposizione di tutti. Il periodo Covid ha messo molto in non sappiamo raccontarli in maniera Il tempo è una risorsa limitata e va usato difficoltà questa pratica. Come farla da oggettiva nessuno ci ascolterà. correttamente. remoto? La parte difficile di Agile è proprio questa: Sicuramente sarà possibile dedicarsi Se siete a conoscenza che si sta come possiamo raccontare che stiamo in questa attività con i primi riporti, anzi svolgendo o si svolgerà un incontro via migliorando in maniera oggettiva? essenziale per aumentare pian piano i Teams/Meet o Zoom, chiedete se è livelli di delega. possibile partecipare. Il Middle Management dovrebbe mettere in campo una serie di dati che Ritagliate quindi momenti precisi, Chiedete sempre il permesso per non far possano dimostrare senza alcun dubbio scanditi e organizzati per fare sessioni di passare il messaggio che la vostra buona che un esperimento, pratica, attività sta Coaching, Mentoring e Training. intenzione è in realtà un mero controllo producendo vantaggi o svantaggi. per verificare «se stanno lavorando». E per gli altri? Come detto è impossibile Senza queste informazioni tutto parlare costantemente con tutti, DAL BASSO VERSO L’ALTO rimane nell’ambito dell’interpretazione dedicarsi ad un team come Scrum personale. Master già mitiga il problema, per il resto SPERIMENTARE consiglio il Management By Walking Dovete passare quindi dal qualitativo Around. Uno dei compiti del Middle Management al quantitativo: l’adozione della è avere una visione del futuro e di fare continuous integration ha generato un MANAGEMENT BY WALKING AROUND da apriprista verso scenari e tecnologie. abbassamento della difettosità del 10%. Chi può dire che non sta producendo un Cosa significa? Non rimanete chiusi nei Il Middle Manager ha due importanti miglioramento? vostri uffici ma andate a trovare i team benefits: poter scegliere su cosa lavorare e le persone. Prendete con loro un caffè (avendo una gestione del tempo Questa attività è molto complessa e o fate pausa pranzo con loro. Bevetevi personale molto più libera rispetto dispendiosa, ma vi assicuro che è quella una birra con loro. E’ il grande lascito del agli altri) e una discreta autonomia nel che produrrà incredibili vantaggi per mondo Lean. proporre verso l’alto i risultati di tali l’azienda e grandissima soddisfazione esperimenti. personale. I Team inoltre vi saranno grati Molti decidono di abbandonare i propri vedendo portato il proprio lavoro come uffici chiusi (rappresentazione quasi di Spesso gli esperimenti possono un qualcosa di prezioso e valorizzato. una Torre d’avorio moderna) e si siedono coinvolgere processi di miglioramento


INTERAZIONI LATERALI «pieni poteri», ma allora è importante anche verso gli altri Manager «tuoi pari». cominciare a sondare se quanto Un Middle Manager deve tessere proposto sia fattibile. E‘ importante creare la massa critica per relazioni in altre direzione oltre l’alto/ proporre verso l’alto cambiamenti di basso. Siate promotori di Agile all’interno valore e per confrontarsi costantemente dell’azienda in ogni momento sui problemi che state avendo. INTERAZIONI CON ALTRI REPARTI con sessioni di Training interno o semplicemente raccontando agli altri Lean ci insegna in uno dei suoi principi Le intereazioni con gli Stakeholder, cosa state facendo e quali vantaggi che è necessario far crescere altri con l’HR ed in generale con altre aree state avendo. Leader. Tu puoi aiutare gli altri più Junior sono sane e permettono di creare e farti aiutare da quelli più Senior. qualcosa di duraturo nel tempo e che sia INTERAZIONI CON ALTRI MIDDLE effettivamente di valore per tutti. MANAGER Parliamo spesso di Community of Practice, ma allora perché non creare Abbiamo detto che spesso le proposte L’isolazionismo deve interrompersi una CoP di Middle Manager? che vengono fatte richiederebbero 51A g i l e I t a l i a


Like this book? You can publish your book online for free in a few minutes!
Create your own flipbook